Aurora boreale

Aurora boreale, dove e quando vederla

Il fenomeno dell’Aurora boreale

La Natura!!! E’ qualcosa di meraviglioso che dobbiamo preservare, proteggere, tutelare, osservare.
Tra gli incredibili fenomeni che la natura ci offre c’è quello rappresentato dall’ Aurora boreale: uno spettacolo di luci danzanti che si crea nel momento in cui le particelle emesse del sole e i gas dell’emisfero terrestre entrano in contatto tra di loro.
Il movimento alternato delle luci da vita ad una vera e propria danza da cui lasciarsi incantare.
E’ il Sole il fautore principale di questo particolare fenomeno; infatti ha la capacità di trattenere il plasma trasformandolo nel flusso di particelle denominato vento solare che entrando nell’atmosfera terrestre genera l’aurora boreale. La bellezza di questo fenomeno sta anche nella differenza di colori in cui si manifesta, varia dall’azzurro, al verde, al viola, al rosso quando il vento solare è tanto forte.

Quando vedere l’Aurora boreale

Lo spettacolo visivo dell’aurora boreale è strettamente legato all’attività solare, infatti, possiede un ciclo di vita che presenta una fase minima ed una più intensa di circa undici anni.
Bisogna evidenziare che sino al 2018 è stato particolarmente facile ammirare l’aurora boreale, negli ultimi anni, invece, le possibilità di ammirarla sono un pò più rare.
Tuttavia, nonostante la bassa attività del sole, il fenomeno si potrà ugualmente verificare in maniera più debole nel periodo di tempo che va da marzo a ottobre.
Il momento ottimale dipende dal luogo scelto perché pur essendo abbastanza simili, le condizioni atmosferiche possono variare.

I posti migliori di osservazione

E’ assolutamente certo che i posti più indicati per osservare lo spettacolo dell’aurora boreale sono quelli più vicini al Polo Nord nelle prime ore notturne dalle ventuno all’una, ergo, nelle zone tendenzialmente più fredde alle latitudini che vanno dai 66 ai 72 gradi dell’emisfero Nord.
In Islanda, ad esempio si può assistere al fenomeno da ottobre a marzo soprattutto nella laguna di Jokulsarlon, infatti qua i colori assumono delle tonalità tali da riflettersi nell’acqua e nei ghiacciai.
In Norvegia, invece, il fenomeno è visibile solo al settentrione tra l’inverno e la primavera in particolar modo nelle Isole Lofoten.
E’ opinione di tanti che il posto in assoluto più interessante dove assistere alla meraviglia dell’aurora boreale è la Lapponia Svedese ad Abisko dove si trova anche l’osservatorio dedicato.
Il periodo è sempre quello che va da ottobre a marzo.
Vista la straordinaria particolarità del fenomeno legato a fattori variabili, non esiste la possibilità di una guida esperta capace di organizzare un tour che vi porti in questi luoghi magici evitando di spendere tanto.
Sono mete stupende da visitare se si ha volontà di intraprendere un viaggio all’insegna della bellezza e della natura.
E’ meglio organizzare il viaggio in maniera autonoma, pianificando un tour sul web che tenga presente i costi e i giorni a disposizione valutando con accuratezza le escursioni migliori da inserire.
Se si dovesse scegliere come destinazione l’Islanda, l’opzione Crociera è d’uopo: una visita alle attrattive del paese che si concluda con la bellezza del fenomeno. Una cena con i piatti tradizionali e un bagno nelle acque termali possono rappresentare una valida possibilità.
In Norvegia, terra di fascino antico e di magia, la meta delle Isole Lofoten o della cittadina di Tromso, sono d’obbligo anche perché solitamente ci sono tanti tour organizzati.
Con la funivia lo spettacolo dell’aurora boreale sarà davvero indimenticabile.
In Lapponia Finlandese, infine, tra paesaggi innevati e slitte trainate da cani: si può immaginare un’atmosfera più fiabesca?
I colori dell’aurora riflessi nel bianco della neve doneranno sensazioni uniche difficili da dimenticare perché un simile fenomeno visibile ad occhio nudo è veramente qualcosa di imperdibile.