Studi dentistici a Roma: come muoversi

La ricerca del miglior dentista per la cura dai propri denti, in una città grande come Roma, può sembrare complessa ma non è impossibile. Rivolgersi al dentista migliore non necessariamente implica spendere di più, difatti non per forza un dentista che lavora in uno studio moderno e di bell’aspetto è sinonimo di qualità e sicurezza, perciò occorre assicurarsi di essersi rivolti a specialisti odontoiatri che sappiano trattare ogni caso con professionalità per il bene della propria salute, oltre che del proprio portafoglio.

Non ci sono dubbi sul fatto che il mal di denti è fra i disturbi più diffusi nella nostra società; è una patologia che può interessare chiunque: dai bambini ancora in tenerà età fino ad arrivare agli anziani .

Effettuare con regolarità un controllo dal dentista, almeno due volte l’anno, consente di ridurre sensibilmente la possibile manifestazione di dolori o fastidi, infatti i primi sintomi, talvolta insopportabili, sorgono proprio a causa di una mancanza di prevenzione, la quale consentirebbe invece di individuare il problema fin dallo stato embrionale, contrastandolo e risolvendolo velocemente.

Basti pensare alle carie, invisibili e prive di sintomi all’inizio, si possono pertanto individuare solo attraverso una consulenza da uno specialista odontoiatra, e risolvere il problema prima che possano insorgere eventuali patologie.

Sono diversi i fattori che possono essere considerati per comprendere se siamo di fronte a un dentista di qualità oppure no.Prima di ogni altra cosa,è importante essere certi che il dentista al quale ci si rivolge sia iscritto all’Albo degli Odontoiatri dell’Ordine dei Medici. Se si ha anche il minimo dubbio sul proprio dentista, gli si può chiedere di mostrare il certificato di iscrizione.

Secondariamente è di grande importanza che un bravo specialista prima di procedere con la visita effettui una raccolta delle informazioni sulla salute del paziente, in modo che il dentista prima di operare sappia se il paziente ha eventuali allergie o problemi di coagulazione o se sta seguendo una cura a base di farmaci.

Tutti questi dati vengono raccolti all’interno dell’anamnesi e, in aggiunta a quest’ultima è prevista anche una raccolta di consensi del paziente mediante firma di quest’ultimo, a partire dal consenso relativo alla privacy fino ad arrivare a quello relativo al trattamento che il paziente subirà.

È necessaria una visita preventiva del paziente anche quando quest’ultimo richiede una semplice pulizia dei denti, il tutto al fine, ovviamente, di evitare il manifestarsi di possibili danni nella salute del paziente.

Altro aspetto fondamentale è il prezzo pagato dal cliente, esso non deve affatto essere un’incognita, anzi, presso uno studio dentistico professionale, il paziente firmerà sempre un preventivo di spesa (che va aggiornato nel caso dovesse cambiare il piano di lavoro, e conseguentemente a ciò anche il prezzo finale del trattamento) prima dell’inizio del trattamento stesso.

È l’articolo 54 del codice di deontologia a stabilire ciò; esso recita: Il medico comunica preventivamente alla persona assistita l’onorario, che non può essere subordinato al risultato della prestazione professionale .

Senza ombra di dubbio, la cura dell’igiene nel corso del trattamento è un altro canone di primaria importanza e da prendere in considerazione quando si è alla ricerca di un buon professionista. Essa va analizzata a partire dalla pulizia degli ambienti del centro dentistico, pertanto affinché il paziente possa farsi un’opinione su uno studio gli basterà chiedere di poterlo visitare.

Le terapie devono obbligatoriamente essere svolte rispettando tutti i criteri di sterilizzazione previsti per evitare il manifestarsi di infezioni: il dentista deve essere sempre munito di guanti e mascherina quando opera, allo stesso modo egli è tenuto ad assicurare ai propri assistenti cuffie, occhiali protettivi e ogni altro dispositivo di sicurezza previsto e obbligatorio per legge.

In aggiunta a quanto visto precedentemente, un dentista professionale che si trova ad affrontare un otturazione o una devitalizzazione è tenuto all’utilizzo della diga di gomma (cioè un foglio di gomma) per proteggere la bocca del paziente da eventuali infezioni e affinché possa operare con i propri strumenti o medicamenti in campo asciutto. Un bravo professionista deve essere anche in grado di descrivere con semplicità e nei minimi dettagli la patologia odontoiatrica riscontrata nel paziente a quest’ultimo, nonché le possibili cure.

Il paziente deve essere infatti attivamente coinvolto nel processo di definizione delle scelte finali relative alla cura. Oltre al progetto di cura, è importante che il dentista proponga al paziente anche un piano per prevenire nuove patologie, da mettere in atto una volta concluso il trattamento, per il mantenimento di uno stato di benessere.

Trovare i migliori dentista a Roma significa pertanto prendere in considerazione tutti questi aspetti precedentemente analizzati, per prendere la scelta giusta e non limitarsi a giudicare la bravura del dentista in base alla sua gentilezza o dolcezza.

Indubbiamente in una città grande come Roma ci sono molti professionisti a cui ci si può affidare, come ad esempio il dott. Claudio Santori che opera nel suo studio odontoiatrico a Roma nord. È molto importante però che oltre alla ricerca del dentista, professionale e capace, i pazienti siano consci anche del fatto che è necessario svolgere una corretta prevenzione, attraverso controlli e visite regolari, ed evitare abitudini che risultano dannose per la nostra salute