ioconquisto

Ecco come far innamorare il tuo lui

Come farlo innamorare? Questa è la domanda che si pongono tutte le ragazze interessate a conquistare l’uomo dei propri sogni: ovviamente una regola universale non c’è, ma è comunque possibile applicare degli accorgimenti che potrebbero rendere il compito molto semplice. Per esempio, sarebbe ideale non concedersi subito ma farsi inseguire, in modo tale da stimolare l’istinto da cacciatore degli uomini: si tratta di trasformarsi in prede, evitando di assecondare ogni richiesta e ogni capriccio dell’uomo a cui si è interessate, in modo tale che sia lui a pensare, alla fine, di avere conquistato e non di essersi fatto conquistare.

Un’altra regola su come farlo innamorare consiste nel dare all’oggetto dei desideri gli spazi di cui ha bisogno, la libertà di respirare e tutto il tempo che vuole. Ciò vuol dire, in sostanza, evitare di reprimere le sue passioni, permettergli di uscire con i suoi amici senza intromettersi. Ovviamente, è indispensabile anche risultare interessanti, mostrando di avere delle opinioni e, soprattutto, degli hobby e delle passioni: che si tratti di sport o di cucina, di cinema o di cucito, di politica o di moda, l’importante è non risultare degli esseri amorfi, privi di personalità e interessati solo a postare selfie su Instagram o a guardare la televisione.

Occorre ricordare, in più, che gli uomini desiderano essere ascoltati, ma soprattutto hanno bisogno di una donna che sia sempre al top: soprattutto in occasione dei primi appuntamenti è vietato mostrarsi sciatte o poco curate. Attenzione al trucco e ai capelli, dunque, ma anche al modo in cui ci si veste – che non deve essere troppo spudorato, per evitare gelosie precoci – e al profumo. Insomma, tutti i dettagli devono essere curati con la massima attenzione, per apparire femminili ma non oche. Infine, è bene stare alla larga dalla noia e dalla routine sin dai primi tempi.

Approfondisci

icarpfishing

Cosa devi sapere sulla carpa regina

Caratterizzata da un corpo piuttosto robusto, la carpa regina è ricoperta da squame di grandi dimensioni ed è lunga circa quattro volte la sua altezza; il primo raggio della sua lunga pinna dorsale è dentellato e particolarmente duro, mentre la pinna caudale si contraddistingue per i suoi lobi arrotondati, oltre che per le sue dimensioni a sua volta voluminose. Più piccola è, invece, la pinna anale, così come quelle ventrali e quelle pettorali, con le seconde che si trovano in posizione quasi addominale, molto arretrate.

La carpa regina mette in mostra una livrea di colore bruno, con tonalità cromatiche che tendono all’olivastro, in cui non mancano riflessi ramati che diventano più evidenti in corrispondenza dei fianchi per poi sfumare, nelle parti ventrali, in una tinta più giallastra. Il colore delle pinne ventrali, però, tende verso il rossiccio, mentre tutte le altre vanno dall’olivastro al giallastro. Questo pesce è dotato di una testa di forma conica e piccola, con un muso non molto lungo; anche la bocca è piccola, e in più priva di denti: per triturare il cibo, la carpa si avvale delle ossa faringee, che risultano decisamente robuste e sono paragonabili a dei veri e propri morali. La bocca della carpa regina propone delle labbra abbastanza spesse; due barbigli scendono da ciascun lato del labbro superiore.

Una varietà di questo tipo di carpa è la carpa a specchi, che è stata introdotta nel nostro Paese da poco tempo: la sua origine deve essere ricondotta agli incroci che sono stati realizzati in passato negli allevamenti. Rispetto alla regina, la carpa a specchi ha un corpo più massiccio e più arcuato, ma anche più corto; più corta è anche la testa, che è rivestita da squame molto grandi, piuttosto irregolari ed evidenti, disposte anche sui fianchi su due file (a volte su tre), oltre che in corrispondenza delle branchie.

Approfondisci

fictiontravel

Chi è Massimiliano Morra

Massimiliano Morra è un attore napoletano che ha iniziato a farsi conoscere dal grande pubblico lavorando come modello e ottenendo prestigiosi riconoscimenti sulle passerelle: nei primi anni della sua carriera nel mondo dello spettacolo, infatti, ha avuto modo di sfilare – tra gli altri – per Calvin Klein Jeans, per Armata di Mare, per Carlo Pignatelli, per Colt Jeans e per American Eagle. Una prima svolta arriva nel 2010, quando il ragazzo campano (nato nel capoluogo partenopeo il 30 luglio del 1986) si aggiudica a 24 anni il titolo di più bello d’Italia. Passano pochi anni e Morra diventa un volto fisso del piccolo schermo: nel 2013, per esempio, è il protagonista della fiction “Pupetta – Il coraggio e la passione”, diretta da Luciano Odorisio e in onda su Canale 5, in cui è affiancato da Manuela Arcuri e veste i panni di Michele De Nicola, un boss della malavita.

Nello stesso anno, ancora su Canale 5, appare nella fiction “Baciamo le mani – Palermo New York 1958”, per la regia di Eros Puglielli, in cui ha modo di recitare accanto a Virna Lisi e a Sabrina Ferilli. Scelto come rivelazione dell’anno da TV Sorrisi e Canzoni e premiato durante il Roma Fiction Fest del 2013, l’anno successivo si conferma uno degli attori di punta delle serie tv Mediaset, prendendo parte alla seconda stagione di “Il peccato e la vergogna”, per poi impersonare l’attore Ramòn Navarro nella miniserie diretta da Alessio Inturri “Rodolfo Valentino – La leggenda”.

Di nuovo sulla rete ammiraglia Mediaset, Massimiliano Morra è uno dei protagonisti di “Furore – Il vento della speranza”, per poi comparire in “Il bello delle donne…alcuni anni dopo”, insieme con Giuliana De Sio e Alessandra Martines. La fiction, spin-off di una serie di successo di qualche anno prima, non ottiene – tuttavia – risultati soddisfacenti.

Approfondisci

espertoseo-3

Espertoseo.it e la seo

Espertoseo.it è il sito di riferimento per tutti coloro che hanno bisogno di aumentare la propria visibilità sul web: un approccio indispensabile per attirare un maggior numero di clienti, sia che si tratti di un’azienda, sia che si tratti di un libero professionista. La Seo è il primo passo per l’ottimizzazione dei siti per i motori di ricerca: vuol dire, in pratica, che un sito che compare nella prima pagina dei risultati di ricerca offerti da Google rispetto a una certa parola chiave ha infinite possibilità di successo in più rispetto a un sito che compare in quinta o in sesta pagina. Il compito di un esperto Seo è proprio quello di fare in modo che un sito (ma può trattarsi anche di un blog o di una semplice pagina web) arrivi sempre più in alto.

Chi si rivolge a Espertoseo.it ha la consapevolezza che un sito web è un biglietto da visita: ecco perché nessun aspetto può essere tralasciato, dalla qualità dei contenuti pubblicati all’aspetto estetico delle immagini. La Seo è un lavoro continuo e costante: non dà risultati immediati, ma offre certezze sul medio e sul lungo periodo. In pratica, è un investimento di tempo e di denaro, che di sicuro è destinato a produrre frutti interessanti, sempre a condizione che ci si affidi a un professionista del settore e non si lasci spazio all’improvvisazione.

La Search Engine Optimization consente di coprire una fetta di mercato molto ampia: è cosa ben diversa rispetto alle inserzioni e agli annunci pubblicitari, ma al tempo stesso permette di arrivare a una platea decisamente vasta di internauti. Gli strumenti che possono essere utilizzati a tal scopo sono i più diversi: bisogna pensare sia agli aspetti formali (tag, Url, meta description, e così via) sia agli aspetti contenutistici, anche con la creazione di blog e il ricorso a preziosi guest post.

Approfondisci

abcdroni-3

L’Utilità indiscutibile dei droni con telecamere

L’evoluzione dei droni da modellini giocattolo a strumenti di lavoro

Ne hanno fatta di strada, anzi di aria, i droni da quando vennero ideati e realizzati con scopi prettamente bellici nel corso del primo conflitto mondiale, sino a diventare i giocattoli volanti preferiti degli appassionati di aeromodellismo telecomandato da remoto.

Veramente notevole l’evoluzione dei droni al punto che agli  Aeromobili a Pilotaggio Remoto (APR) è stata recentemente dedicata una serie di normative importanti da parte di tutti gli Stati per garantire la sicurezza dello spazio aereo condiviso dagli aerei militari e di linea con i piccoli velivoli telecomandati che svolgono attività di supporto a quelle dell’uomo come i droni con telecamere.

I droni con telecamere aeromodelli dai molteplici usi ormai diventati indispensabili in ogni settore della vita sociale

La telecamera oggetto cult a far seguito dai primi del Novecento, in associazione al drone consente a Scienza e Tecnologia contemporanee di produrre Aeromobili a Pilotaggio Remoto richiestissimi dal mercato per svolgere “mansioni” assimilate a quelle umane in zone proibitive, inaccessibili e pericolose del Pianeta.

Esistono diverse tipologie di droni a cui è possibile applicare telecamere convenzionalmente riunite in tre grandi gruppi contraddistinti dalla struttura diversa.

Nella fattispecie i droni con telecamere di maggior utilizzo sono i seguenti:

  1. aeromodelli con conformazione ad eliche: si tratta di velivoli dai bracci estraibili su cui vengono montate eliche in modo che il drone si comporti come un elicottero mantenendo ferma la posizione a mezz’aria, volando in direzione obliqua ed effettuando virate repentine;
  2. aeromodelli con conformazione planare: questi droni somigliano ad aeroplani ed hanno ali che per volare sfruttano i flussi d’aria e le correnti;
  3. aeromodelli ibridi: gli ibridi sono device ideati per muoversi sul terreno con due o quattro ruote motrici. Riesci ad immaginare l’uso di questi droni con telecamere usati per sondare territori remoti, nuovi Pianeti ad esempio?

Approfondisci

ottica

come trovare un oculista bravo ad Arezzo

Chi è alla costante ricerca di un buon oculista Arezzo può trovarlo senza alcuna difficoltà, grazie alla presenza di numerosi esperti del settore. Questi ultimi sono in grado di intraprendere le giuste misure per ogni problema alla vista e di attuare le migliori terapie per una piena funzionalità di entrambi gli occhi.

Non è facile selezionare un oculista Arezzo capace di soddisfare tutte le esigenze dei pazienti. Bisogna trovare un profilo in grado di garantire un servizio di alta qualità senza chiedere una somma di denaro troppo elevata, anche se quando si parla di salute non si dovrebbe badare a spese. Tanti sono i disturbi che possono colpire la vista e che vanno corretti e curati in maniera tempestiva e costante. Si parte dalla semplice miopia e dall’astigmatismo, che purtroppo colpiscono buona parte dei pazienti ma sono disturbi non molto gravi, fino ad arrivare a sintomi ben più problematici quali maculopatie degenerative, glaucomi, distacchi della retina, patologie della cornea, cataratte. In ogni caso, un buon oculista è in grado di diagnosticare ogni problema in tempi rapidi e agire al fine di renderlo sempre meno pericoloso.

Il miglior oculista Arezzo sa intervenire nella maniera migliore su ogni tipologia di paziente e gli consente di tornare ad avere una vista ideale. Conosciuto anche col nome di oftalmologo, chi appartiene a tale categoria lavorativa deve occuparsi di pazienti di tutte le età. Ci sono oculisti pediatrici che curano prettamente i più piccoli, così come ce ne sono altri che sono specializzati soprattutto per le persone della cosiddetta terza età. E quando l’età avanza, è necessario affidarsi ad un oculista con maggiore frequenza, specialmente se si è affetti dalla cataratta o dalla maculopatia degenerativa. In ogni caso, bisogna avere tutte le competenze utili per agire al meglio in questo ambito, e la categoria che opera ad Arezzo sicuramente risponde a tali requisiti.

Approfondisci

serrature-sicurezza

I migliori sistemi di sicurezza a Verona

Nel momento in cui ci si accinge a valutare i migliori sistemi di sicurezza a Verona che possono essere scelti e comprati per la propria casa, ci si trova di fronte a una grande varietà di proposte e a un mercato che mette a disposizione soluzioni di ogni genere. La prima decisione che è necessario prendere da questo punto di vista è quella tra un sistema di sicurezza dissuasore e un sistema di sicurezza difensivo: si tratta di due modalità differenti di proteggere un edificio. In particolare, i sistemi di sicurezza difensivi sono concepiti con l’obiettivo di migliorare la resistenza fisica dell’edificio che deve essere protetto: è chiaro che tanto più elevata è la resistenza quanto più aumenta il tempo di cui ha bisogno un eventuale malintenzionato per riuscire a penetrare negli ambienti. Le bobine elettroniche di alta sicurezza e i cilindri sono due esempi di sistema di sicurezza difensivi. Quelli dissuasivi, invece, hanno lo scopo di far capire agli estranei che l’edificio è protetto: essi permettono di avvertire il proprietario e le forze dell’ordine in caso di necessità.

Naturalmente, in vista della scelta dei sistemi di sicurezza a Verona non si è costretti a scegliere tra un sistema difensivo e un sistema dissuasivo: le due soluzioni, infatti, non sono alternative ma possono essere complementari. Quel che è certo è che un errore molto comune è quello che viene compiuto da chi decide di provvedere all’installazione di un allarme senza essersi preoccupato di mettere in sicurezza le finestre o le porte o di rafforzare le protezioni.

Un sistema di sicurezza eccellente e all’avanguardia dal punto di vista tecnologico non serve a nulla se i ladri sono in grado di accedere in maniera semplice. Insomma, lo scopo di ogni proprietario deve essere in primo luogo quello di rendere le finestre e le porte più solide e più resistenti, per poi pensare al resto.

Approfondisci

joker wild

Guida avanzata per joker wild

Il joker wild è una tipologia di gioco di video poker presente in gran parte dei portali online, grazie alla quale è possibile giocare e vincere somme di denaro.

Regole del gioco

Le regole sono molto semplici, si utilizza un mazzo di carte da 53, formato da un mazzo normale da 52 più l’utilizzo di un jolly, e segue punteggi e regole delle mani del poker tradizionale con l’eccezione costituita dalla carta “wild”, rappresentata per l’appunto dal jolly, che può assumere qualsiasi valore si voglia.

I punteggi

Come detto i punteggi sono gli stessi del poker tradizionale (coppia, doppia coppia, tris, full, scala, colore, poker, scala reale) con l’aggiunta di alcuni punteggi speciali :
-Pokerissimo: poker normale con il jolly come quinta carta;
-Scala reale massima: scala reale completata dalla presenza del jolly;
-Scala reale naturale: come la scala reale massima senza l’utilizzo del jolly;
-Re o meglio: coppia di Re o Assi oppure Re o Asso insieme al jolly.

Come si gioca

La giocata può essere di due tipi: joker wild a una mano, joker wild a mani multiple.
-Joker wild a una mano:
per prima cosa si imposta l’entità della scommessa che varia solitamente da 1 a 5 gettoni; tramite l’opzione puntata max si sceglie direttamente di puntare 5 gettoni. Ad ogni giocata è possibile modificare il valore della scommessa. Dopo la puntata si inizia a giocare e vine servita la prima mano; le carte che formano una giocata vincente vengono mantenute automaticamente, quando invece ci si appresta a cambiare alcune carte si potranno selezionare singolarmente e poi premere sul pulsante cambia (in alcuni portali si selezionano le carte da tenere e le altre vengono cambiate automaticamente). Una volta selezionate le carte si procede alla distribuzione della seconda mano. Le vincite sono determinate dalla mano finale e verranno visualizzate nell’ apposita casella.
-Joker wild a mani multiple:
come nel caso della tipologia a mano singola per prima cosa si imposta il valore della scommessa da 1 a 5 gettoni, con possibilità di cambiarla ad ogni giocata; dopodiché verrà servita la prima mano. Anche in questo caso le carte formanti una mano vincente verranno mantenute automaticamente mentre in caso contrario verranno selezionate le carte da cambiare (o mantenere) e si passerà alla distribuzione della seconda mano. Le carte verranno mescolate ad ogni giocata. Le vincite saranno determinate dalla combinazione del risultato di ogni mano finale e verranno visualizzate nell’apposito riquadro.

Gamble

Ogni qualvolta si ottiene una mano vincente, questa opzione dà l’opportunità di puntare la vincita per avere la possibilità di raddoppiare.
In una schermata nuova viene visualizzata una carta coperta con la possibilità di scegliere tra due opzioni:
-Indovina il colore della carta: questa opzione prevede che l’utente indovini il colore della carta coperta tra rosso e nero per ottenere il raddoppio;
Indovina il seme della carta: bisogna indovinare il seme della carta scegliendo tra i quattro di cui il mazzo è formato.
Si può continuare a giocare al raddoppio fino a quando si vince, altrimenti si può scegliere di incassare e fermarsi.
Ad ogni giocata viene utilizzato un nuovo mazzo.
Si può scegliere di utilizzare l’opzione gamble automaticamente selezionandolo nel menù di gioco in modo da giocare per il raddoppio ogni volta che si vince.

Tabelle pagamenti

Per la versione ad una mano le tabelle verranno visualizzate nella schermata mentre per quella a mani multiple basterà recarsi nell’apposita sezione.

Approfondisci

prestito

Cosa sono i prestiti online

I prestiti online costituiscono la soluzione più indicata per tutti coloro che sono in cerca di un finanziamento con tempi di erogazione molto rapidi: di sicuro, infatti, si rivelano più veloci e più immediati rispetto ai prestiti che vengono concessi in modo tradizionale in filiale, poiché riducono le lungaggini burocratiche e, soprattutto, si avvalgono dell’immediatezza di Internet. Non è un caso che negli ultimi tempi la domanda di finanziamenti online sia cresciuta: un po’ per la diffusione della navigazione in mobilità, ma soprattutto per i vantaggi che essi garantiscono.

Una banca online, come si può intuire, ha dei costi inferiori rispetto a quelli che deve sostenere una banca tradizionale, che deve tener conto delle spese da sostenere per la gestione delle molteplici sedi fisiche, per garantire i servizi di ogni sportello e per la retribuzione del personale. Nel caso di un istituto di credito che opera solo su Internet o di una piattaforma di social lending, di conseguenza, le persone che richiedono un finanziamento possono approfittare di condizioni molto più convenienti, dal punto di vista dei tassi di interesse e non solo.

La gestione da casa tipica delle procedure telematiche è un altro fattore che merita di essere tenuto in considerazione. Ultimamente, inoltre, stanno prendendo piede i prestiti tra privati, che si basano sempre sul web per far sì che si incontrino la domanda e l’offerta, e cioè da un lato coloro che richiedono un prestito e dall’altro lato coloro che mettono una parte del proprio denaro a disposizione per finanziare le richieste. In un caso del genere, le banche non hanno alcun ruolo e non sono previste: tutto si basa su una piattaforma web, che è autorizzata e regolamentata da Banca d’Italia, la quale disciplina tutte le modalità di funzionamento del cosiddetto social lending per garantire la massima sicurezza alle parti in causa, senza rischi di insolvenza o ritardi nei pagamenti che potrebbero rendere il meccanismo poco redditizio o non conveniente.

Approfondisci

realizzazione siti web aziendali

Cosa significa avere un sito web responsive

Cosa è un sito web responsive

 

In questa breve guida andremo a spiegare cosa sia un sito web responsive e vi daremo alcune utili indicazione per crearne uno.

Teniamo conto che un sito web responsive perfetto deve essere creato comunque da un abile web designer.

Un sito web responsive per definizione è semplicemente un sito web che si adatta ai diversi schermi e alle diverse risoluzioni dei dispositivi che utilizziamo.

Questo perché ormai è stato dimostrato dalle ultime statistiche che il popolo del web naviga su internet a maggioranza tramite dei dispositivi mobili, che essi siano dei tablet, degli smartphone o simili.

Quindi un sito web responsive deve adattarsi alla rotazione orizzontale o verticale, a qualsiasi orientamento, a schermi da cinque pollici come a schermi da undici pollici a uno smart tv da sessantacinque pollici.

Le conseguenze dell’avere un sito che non sia responsive sarà quello di dover scrollare con il dito per raggiungere le informazioni desiderate, e in generale di usare lo zoom in o lo zoom out in continuazione con grande fastidio da parte dell’utente che potrebbe benissimo, dato questo problema, migrare verso siti che siano più accoglienti.

Il sistema di sito responsive è solo uno dei sistemi possibili per adattare la propria vetrina web ai vari dispositivi.

Di certo è la più semplice in quanto il sito si adatterà ai vari formati, mentre la soluzione alternativa è decisamente più complicata, infatti bisognerebbe creare dei siti differenti a seconda dei tipi di dispositivi coinvolti.

 

Come si realizza un sito responsive

 

Partendo dal presupposto che un sito responsive veramente funzionale deve essere realizzato da un professionista nella creazione di siti internet, possiamo dare qualche utile indicazione in modo da far comprendere il funzionamento di tipo tecnico che permette di creare un sito di tipo responsive.

Il primo elemento da considerare è che per dispositivi piccoli è necessario eliminare dal layout degli elementi che non sono essenziali.

Infatti la decisione di mantenere tutto il contenuto del sito anche per la visione tramite uno smartphone dallo schermo di quattro pollici può portare all’effetto controproducente di un grande affollamento di quel piccolo visore.

Quindi è necessario operare delle scelte ed eliminare le parti che non sono indispensabili come solo gli slider, le sidebar e i widget e ammenicoli vari che non sono assolutamente necessari per degli schermi così piccoli.

Un elemento tecnico da inserire è il tag viewport che serve proprio per adattare il proprio sito alle diverse dimensioni degli schermi.

Normalmente il viewport che si utilizza per un sito web da vedere in uno schermo piccolo come quello di uno smartphone è di mille pixel.

Questo serve per avere una visione completa in quasi tutti gli schermi su cui intendiamo operare.

Altri elementi che sono necessari per definire il layout responsive di un sito sono i cosiddetti break out tenendo però il codice html del proprio sito sempre lo stesso.

In sostanza è necessario operare sui cosiddetti fogli di stile.

Un ultimo elemento che intendiamo analizzare è quello di usare dei layout non fissi in pixel ma fluidi con termini percentuali.

Approfondisci