fiori matrimonio pescara

Idee per addobbi e decorazioni floreali per le nozze

Ogni sposa attenta ai dettagli, per il suo giorno più bello, sogna una cerimonia perfetta.
Per renderla tale è necessario procedere con la scelta di una location esclusiva, un tableau de mariage originale, un buffet che incontra le esigenze di ogni invitato e gli addobbi floreali che incantano gli occhi con i loro colori e la loro naturale semplicità.

Supponendo una location modaiola, ma anche romantica, come Pescara, con le sue spiagge bianche e le acque cristalline e che scendono dolcemente di profondità, anche gli addobbi non dovranno passare inosservati.

Sulla riviera pescarese, ormai da anni abituata a celebrare eventi importanti come matrimoni, sono molteplici i professionisti che hanno intrapreso questa carriera. Essi vi sapranno non solo indirizzare verso specie di fiori e foglie ideali per la stagione, ma anche abbinare il vostro abito scelto con tanta cura e dedizione ad un bouquet unico ed irripetibile.
In queste situazioni è d’obbligo partire proprio dal compagno inseparabile per ogni sposa: il bouquet, che seguirà lo stile del matrimonio stesso.
Per una scelta indubbiamente corretta è consigliabile mostrare ai competenti flower designer pescaresi almeno una foto dell’ abito, perché esso sia perfettamente in armonia con il modello ed il colore scelti.

Una delle prime decisioni che si trova a dover prendere la sposa, riguarda la scelta della forma del bouquet; essa può scegliere tra una figura tonda e compatta per uno stile classico e bon ton, a cascata o a grappolo per seguire un’ impronta modaiola, ma anche un semplice fiore di stagione decorato ed arricchito da un nastro in tessuto naturale, ideale per i matrimoni informali in spiaggia con il suo sapore fresco e sbarazzino.
La scelta per gli addobbi di fiori del matrimonio è strettamente personale e varia in base al gusto della sposa, anche se alcuni accorgimenti pratici consigliano di scegliere vegetali con una resistenza dell’intera giornata senza appassire, e di evitare quelli che potrebbero macchiare irrimediabilmente il vestito.
Un’ idea carina potrebbe prevedere di continuare una tradizione di famiglia, optando per le stesse tipologie di fiori presenti nel bouquet di mamma e nonna.

I consigli del flower designer

Gli addobbi floreali per un perfetto matrimonio a Pescara non possono mancare anche in Chiesa e sull’auto che accompagnerà gli sposi.
Per quanto riguarda la Chiesa è consigliabile che il fiorista che si occuperà degli allestimenti ne studi accuratamente la struttura, gli addobbi dovranno infatti rispettare le ampiezze ed i giochi di luce, risultandone valorizzati.
Spesso questi edifici risultano scuri e ricchi di affreschi preziosi; si rivela quindi una buona scelta quella di optare per fiori chiari, che donano luminosità all’ambiente, e non troppo ingombranti, onde evitare che finiscano con il coprire e nascondere i dipinti.
Se invece la cerimonia avrà luogo in ambienti ampi come una Cattedrale, saranno indispensabili allestimenti importanti e di grande dimensione, evitando la sensazione di un ambiente spoglio ed austero.
Altrettanto accoglienti e suggestive sono le rustiche Chiesette della campagna pescarese: in caso di questa scelta, il via libera è per i fiori di campo, magari arricchiti da spighe dorate.

Fiori per la cerimonia civile

Ma, in un Italia dove la religione è ancora profondamente radicata, sono sempre più numerose le coppie che prendono in considerazione una cerimonia civile.
Anche in questo caso gli addobbi floreali non devono mancare anche se, generalmente, risultano più sobri e meno sfarzosi.
Essi vengono posizionati sul tavolo che divide gli sposi dall’ ufficiale di stato civile ed all’ ingresso della sala.
Un’accortezza carina è quella di posizionare su ogni sedia degli invitati, un piccolo mazzetto di fiori.

Anche l’auto che accompagnerà gli sposi durante la giornata verrà addobbata, ma in maniera semplice per evitare un effetto spiacevole: una composizione in linea con quelle della chiesa verrà posizionata sul pianale, tra lo schienale posteriore ed il lunotto.

Addobbi floreali per la location

Infine, non possono essere dimenticati i fiori destinati alla location in cui si svolgerà il ricevimento, essendo quest’ ultimo il luogo in cui si trascorrerà la maggior parte della giornata.
Molte coppie decidono, al fine di evitare gli sprechi, di trasportare alla location gli addobbi utilizzati in Chiesa.
Se invece si preferisce donare quei fiori, lasciando almeno l’altare addobbato, indispensabile predisporne altri per il ricevimento. Immancabili sono quelli situati lungo il vialetto d’ ingresso, sul tavolo degli sposi e degli invitati ed, eventualmente, nei vari spazi aperti dedicati ai balli.

Outfit Per Un Matrimonio Alla Moda?

Outfit Per Un Matrimonio Alla Moda?

Essere preparati ad un evento come un matrimonio, per le donne, non è semplice. E gli uomini spesso si trovano a discutere con la propria moglie/fidanzata/compagna/partner per la scelta dell’abbigliamento da indossare.

Se dunque da un lato gli uomini odiano i matrimoni perché non vogliono pensare all’abbigliamento, molte donne amano invece andare ad i matrimoni e sfoggiare il loro outfit migliore, come sanno bene su ilmioguardaroba.it, un blog/portale dedicato all’abbigliamento e la moda che offre consigli sui migliori outfit per ogni occasione.

Le donne amano i matrimoni, anche perché sono sempre curiose di vedere “l’abito della sposa”, gli outfit delle donne invitate, per poi magari commentarle con le amiche o con il marito (guarda come si è vestita…).

Non parliamo di cappelli (sempre più di moda in queste occasioni) e di scarpe (ai matrimoni si vedono davvero tutti i tipi di scarpe), né dei colori da indossare o da non indossare per un matrimonio (recentemente infatti anche sul vestito della sposa si vedono delle varianti davvero singolari), ma del miglior outfit per un matrimonio!

Cosa dovrebbe indossare una invitata perfetta per un matrimonio?

In caso di un matrimonio estivo l’ideale sarebbe un abitino corto fino al ginocchio con colori pastello o più accesi se il matrimonio si svolge in primavera o estate. In alternativa ci sono tanti abiti versatili che possono essere utilizzati per più occasioni, oppure un bel tubino può essere una validissima altenrativa per chi cerca una idea dell’ultimo minuto!

Un bell’abito lungo nelle tonalità del verde o del giallo potrebbe essere incredibilmente originale, bello ed alla moda, ed oggi, grazie ai siti internet, è possibile trovare davvero delle fantastiche occasioni e degli outfit incredibili per ogni occasione, ordinando i propri capi comodamente da casa e sfruttando spedizione e reso gratuiti offerti da moltissimi siti.

E tu come ti vestirai per il prossimo matrimonio? Secondo te qual è l’outfit migliore per un matrimonio alla moda?

partecipazioni matrimonio

Come scegliere i testimoni per il Matrimonio

Quando si decide per il grande passo, tanti pensieri si rincorrono nella testa dei futuri sposi e alcune scelte incombono nelle loro vite. Come sarà il giorno del matrimonio, quanti invitati ci saranno, quali partecipazioni inviare, quale menù per il rinfresco del giorno più importante della loro vita? Soprattutto però bisognerà scegliere quali persone vogliamo al nostro fianco quando ci avvicineremo all’altare, ovvero quali saranno i nostri testimoni di nozze. Una scelta fondamentale che consoliderà un rapporto d’amicizia, sigillandolo con la fiducia e l’affetto dimostrato in una giornata così importante.

Innanzitutto parliamo di numeri. Secondo il codice di Diritto Canonico (consultabile sul sito ufficiale della Città del Vaticano) i testimoni devono essere almeno due. L’articolo 1105 del libro IV, infatti, recita: “Il mandato, perché sia valido, deve essere sottoscritto dal mandante e inoltre dal parroco o dall’Ordinario del luogo in cui il mandato viene dato o da un sacerdote delegato da uno di essi, o da almeno due testimoni”. Dunque nessuna limitazione circa il numero dei testimoni, che possono essere anche più di due.

Tuttavia, se lasciamo il Diritto religioso e prendiamo una copia del Diritto civile, all’articolo 107 del libro primo leggiamo: “Nel giorno indicato dalle parti l’ufficiale dello stato civile, alla presenza di due testimoni, anche se parenti dà lettura agli sposi degli articoli 143, 144 e 147 ; riceve da ciascuna delle parti personalmente, l’una dopo l’altra, la dichiarazione che esse si vogliono prendere rispettivamente in marito e in moglie, e di seguito dichiara che esse sono unite in matrimonio”. In questo caso viene specificato il numero massimo di testimoni, due, solitamente uno per lo sposo e uno per la sposa. Quindi, anche se il matrimonio viene celebrato in chiesa, la legge impone che siano solo due persone a firmare l’atto che consacra l’unione.

I compiti dei testimoni

Vediamo quali sono i compiti dei testimoni, sia per quanto riguarda il giorno delle nozze, sia per gli anni a venire. Innanzitutto, ancor prima di essere “testimone” dello scambio delle fedi, la persona scelta dovrà essere “testimone” dell’amore tra i due partner, dovrà conoscere a fondo la coppia e sapere quali sono i punti deboli su cui lavorare. Solo in questo modo potrà suggerire agli sposini come comportarsi, vigilando, per quanto possibile, sull’andamento del matrimonio.

Per questi motivi gli sposi scelgono spesso un familiare(un fratello o qualcuno considerato tale) oppure un amico, magari “testimone” del primo incontro d’amore. Un altro compito è quello di custodire le fedi nuziali e di porgerle allo sposo o al parroco a seconda che il rito sia celebrato in municipio o in chiesa. A fine cerimonia dovrà firmare il documento che sancisce ufficialmente la legalità del sacramento e dovrà consegnare l’offerta al parroco.

Molto spesso, inoltre, il testimone è l’organizzatore dell’addio al celibato(o al nubilato), delle feste successive, degli incontri o delle uscite serali della coppia negli anni a seguire.
Passiamo ora ai requisiti necessari al testimone per adempiere al proprio compito. Prima di tutto, il testimone dovrà essere maggiorenne, possedere i diritti civili e, soprattutto, per quanto riguarda il rito sacro, dovrà essere cresimato.

Tenete presente che il testimone andrà avvisato almeno due mesi prima del matrimonio ma, qualora non fosse in possesso del sacramento della cresima, potrebbe dover seguire delle lezioni di catechismo prima di poter essere cresimato e diventare un potenziale testimone. Tenete presente che, a seconda della pignoleria del parroco, i tempi potrebbero essere molto lunghi.

Per tutti questi motivi, la scelta del testimone di nozze è davvero fondamentale, forse la più importante dopo la scelta del consorte. Pertanto fatela con cognizione ma serenamente, dopotutto vedrete che sarà una decisione semplice e spassionata, un’opportunità per consolidare un’amicizia per tutto il resto della vostra vita.